<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1925163537722152&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

4wardPRO Blog

Incentivi formazione: le opportunità del Piano Impresa 4.0

By 4wardPRO 20 novembre, 2020

Gli incentivi formazione rappresentano una delle agevolazioni più interessanti contenute nel Piano Impresa 4.0 (già Industria 4.0) valido per tutto il 2020. E questo non perché siano una novità, ma perché la loro modulazione attuale consente alle PMI italiane di ottenere vantaggi considerevoli in termini di credito d’imposta, e non solo.

Accedere a questi benefit, tuttavia, può essere complicato, poiché esistono requisiti piuttosto rigidi, soprattutto per la modalità di fruizione online, che non tutti i sistemi di e-learning sono in grado di garantire.

Tra i pochi sistemi a soddisfare questi requisiti c’è LMS365, la piattaforma di Learning e E-learning Management completamente integrata a Microsoft 365 e a Teams.

 

Gli incentivi formazione 2020

Come abbiamo accennato, gli incentivi per la formazione non sono una novità, sono stati infatti il “pezzo forte” della Manovra 2018 che, con i commi da 46 a 56 della legge 205/2017, aveva introdotto il Bonus Formazione allo scopo di supportare le spese di formazione del personale dipendente per accrescerne le competenze in ottica 4.0.

Nelle edizioni successive del Piano Nazionale, queste agevolazioni sono state mantenute ma, via via, rimodulate. Fino a quest’anno, quando la legge di Bilancio 2020 ha riformato sostanzialmente l’intero impianto del Piano Impresa 4.0. I vantaggi degli incentivi formazione continuano ad esserci e a riguardare tutte le aziende che effettuano spese in formazione relativa alle tecnologie previste dal Piano Impresa 4.0, indipendentemente dalle dimensioni, dalla forma fiscale e settore di lavoro d’appartenenza. Cosa è cambiato rispetto al passato?

Negli anni scorsi, il credito d’imposta era fissato al 40% con un tetto di 300mila euro per ciascun beneficiario; da quest’anno, invece, la percentuale applicabile cambia in base alle dimensioni dell’impresa. E, a giudicare dalle aliquote, sono proprio le PMI a poter trarre i maggiori benefici da questa rimodulazione:

  •  credito d’imposta al 50% fino a un limite massimo annuale di 300mila euro per le piccole imprese;
  • credito d’imposta al 40% fino a un limite massimo annuale di 250mila euro per le medie imprese;
  • credito d’imposta al 30% fino a un limite massimo annuale di 250mila euro per le grandi imprese.

Il Mise ha precisato anche che l’agevolazione sale al 60% nel caso in cui i destinatari della formazione ammissibile rientrino nelle categorie dei lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati.

I macro ambiti previsti dalla Legge n. 205 del 2017 per le spese di formazione sono tre (nell’allegato A della norma è possibile consultare tutte le attività specifiche di ciascun ambito):

  • vendita e marketing
  • informatica
  • tecniche e tecnologie di produzione.

Quello che è molto importante rilevare è che sono ammissibili al credito d'imposta anche le spese relative al personale dipendente che partecipi in veste di docente o tutor alle attività di formazione ammissibili, con un limite fissato al 30% della retribuzione complessiva annua del dipendente stesso.

Infine, va precisato che gli incentivi formazione sono cumulabili con altre agevolazioni presenti nel Piano Nazionale, come ad esempio gli investimenti in beni strumentali materiali e immateriali meglio noti come Iper ammortamento e Super ammortamento.

 

I requisiti per accedere al credito d’imposta

Come accedere agli incentivi e ottenere il credito d’imposta per le spese di Formazione 2020? Occorre, innanzitutto, precisare che la formazione può avvenire sia in presenza, tramite lezioni frontali, sia online. In una circolare del dicembre 2018, il Mise ha puntualizzato che “… La disciplina agevolativa non pone sul punto espresse limitazioni e che, pertanto, devono considerarsi in via di principio ammissibili anche le attività svolte attraverso corsi e lezioni on line. Tuttavia, tale modalità di svolgimento delle attività formative pone particolari problemi applicativi e conseguenti oneri da rispettare per l’impresa ai fini del soddisfacimento del requisito generale riguardante il controllo dell’effettiva partecipazione (presenza) del personale dipendente alle attività medesime”.

In sostanza, deve essere possibile tracciare la partecipazione a questa attività attraverso precisi strumenti di controllo. Ma c’è di più: l’architettura dei corsi deve prevedere la possibilità di organizzare dei momenti di verifica delle competenze acquisite attraverso test e sistemi di accertamento che diano accesso ai livelli successivi di formazione solo dopo aver superato gli step precedenti. Inoltre, è obbligatorio avere una documentazione contabile certificata e una relazione che illustri le modalità organizzative e i contenuti delle attività di formazione svolte.

 

Perché scegliere Microsoft LMS365 e Teams per gli incentivi formazione

La piattaforma di e-learning Microsoft LMS365 è una delle poche che ha tutti i requisiti necessari all’ottenimento degli incentivi formazione 4.0 2020.

Gli utenti possono accedere in modo intuitivo e rapido a corsi di formazione utilizzando il proprio login di Microsoft 365 anche da mobile tramite l'app dedicata, come in ogni moderno workplace. Il fatto che LMS sia nativamente integrata in Office365 assicura la perfetta sinergia con Microsoft Teams, la piattaforma di comunicazione e collaborazione che, in termini di didattica online, è già utilizzata da oltre 70 milioni di persone.

Ma quando si parla di modern workplace non ci si riferisce solo allo smart working e alla possibilità di fruire di questi servizi in mobilità, bensì anche alla possibilità di accertare la presenza e lo stato di avanzamento del personale nei processi di formazione e nell’ottenimento di eventuali certificazioni online. Quello che fa la differenza rispetto ad altri sistemi di e-learning è la gestione dei corsi attraverso funzioni come:

  • creazione di percorsi di formazione personalizzati con aule virtuali e corsi “privati” raggiungibili, visibili e fruibili in base a regole predefinite;

  • possibilità di caricare materiale didattico in vari formati;

  • classificazione dei contenuti a cui ogni dipendente ha accesso in base al ruolo, alla giornata di lavoro o ai moduli di formazione già completati;

  • rilevazione delle presenze;

  • accertamento online delle competenze.

 

Una grande opportunità per le aziende

Gli incentivi formazione sono, dunque, un’occasione importante per tutte le imprese italiane che hanno la possibilità di accedere a questa misura anche grazie a piattaforme di e-learning e di cumulare il credito d’imposta con altre agevolazioni previste nel Piano. Ma i vantaggi non si limitano alle agevolazioni fiscali. Investire nella formazione del personale è il presupposto necessario per coltivare con successo progetti di crescita e sviluppo aziendale

New call-to-action