<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1925163537722152&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

4ward Blog

I 4 pilastri del Modern Data center

By 4ward 31 luglio, 2018

Il modern data center sull’onda della digital transformation è oggi tra i temi caldi dell’Information Technology.

Se il dato rappresenta la nuova moneta e le applicazioni diventano il motore di qualsiasi organizzazione, indipendentemente da dimensioni e settore, la capacità di costruire un’infrastruttura IT solida e flessibile rientra tra gli irrinunciabili fattori di successo della digital enterprise. Non sorprende quindi che la modernizzazione del data center e le iniziative per introdurre agilità nei sistemi informativi siano considerate il cuore della trasformazione e pertanto un argomento delicato per i decision makers.

Ma quali sono i pillar per l’evoluzione del data center verso modelli e architetture di ultima generazione in grado di servire il business con la tempestività richiesta oggi dal mercato globalizzato?

I-4-pilastri-del-Modern-Datacenter

 

Rimanendo sul piano più alto della discussione, il data center moderno deve garantire quattro caratteristiche fondamentali: interoperabilità, scalabilità, automazione ed efficienza, dando per scontato che si siano già intrapresi percorsi di virtualizzazione e consolidamento delle risorse, in un’ottica cloud-oriented.

1) INTEROPERABILITÀ

Il cloud sta rivoluzionando l’architettura tradizionale dei data center, distribuendo le risorse di calcolo e storage oltre il perimetro aziendale, con significativi vantaggi in termini di controllo dei costi e flessibilità. Questa nuova configurazione distribuita su più nuvole e sistemi on-premise permette di creare un ecosistema estremamente funzionale, in logica best-of-breed: si scelgono le soluzioni più adatte a coprire le esigenze di ogni specifico workload. Ovviamente, l’integrazione di tecnologie diverse e multi-vendor richiede qualche accortezza: una pianificazione razionale alla base per ridurre la complessità architetturale e la preferenza verso soluzioni basate su open-standard per garantire la piena interoperabilità.

2) SCALABILITÀ

Il next-generation data center deve garantire l’ottimizzazione delle risorse e dei costi, in un’ottica pay-per-use. Soprattutto in contesti lavorativi con picchi di lavoro imprevedibili o legati alla stagionalità, la capacità di dimensionare gli asset con un provisioning lineare e trasparente sotto il profilo dei prezzi è un requisito fondamentale per supportare le esigenze di un business sempre più dinamico. Il ricorso a soluzioni che possono scalare sia in verticale (aumento/diminuzione della capacità o potenza della singola risorsa) sia in orizzontale (aggiunta/eliminazione di una nuova risorsa per modulare prestazioni e funzionalità dell’intero sistema) è un fattore decisivo per disegnare un data center efficace ed efficiente.

3) AUTOMAZIONE

Il provisioning ottimizzato delle risorse è fondamentale per un data center moderno e allineato con il business. Il passo successivo è la capacità di distribuire e scalare i sistemi di calcolo, storage e rete secondo modelli automatizzati e software-defined. Il data center può essere gestito da un‘unica dashboard centralizzata e intuitiva, che non necessita di competenze specifiche in materia di coding; grazie ad algoritmi predittivi e di machine learning, alcune operazioni di data center management possono essere eseguite in automatico.

4) EFFICIENZA

Se nella digital economy, i sistemi informativi smettono di essere un centro di costo ma diventano il tessuto nervoso della nuova impresa, su cui poggiano tutte le attività di business, i budget destinati all’IT non crescono parimenti alla sua aumentata importanza strategica. L’imperativo è fare di più con meno: il controllo delle spese e dei consumi rimane l’eterno grattacapo dei CIO, nel braccio di ferro con il CFO. Le moderne tecnologie dei data center, dai server ai sistemi di archiviazione fino agli apparati di networking, riducono ingombri e sprechi energetici a fronte di un aumento delle prestazioni. Tuttavia, altri fattori intervengono nel migliorare l’efficienza energetica: ad esempio, più efficaci sistemi di raffreddamento ad acqua e non ad aria oppure strumenti software di data center infrastructure management, che offrono visibilità totale sulla facility per identificare eventuali falle e avviare procedure correttive, anche in automatico.

 

Cloud security