<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=3116372081939734&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

4wardPRO Blog

MVPost: La modernizzazione del datacenter, un caso reale con soluzioni Microsoft

By Francesco Molfese 21 aprile, 2022

#impresoftgroupnews   #Cloud

I dati statistici parlano chiaro, oltre il 90% delle realtà aziendali dispongono già oppure prevedono, nel breve periodo, di adottare una strategia ibrida per la propria infrastruttura IT. Questi dati vengono confermati dalla quotidianità dei fatti, dove diversi clienti includono nei loro piani di investimento sia il mantenimento dei workload sulle infrastrutture on-premise, sia l’adozione di soluzioni nel cloud pubblico. Parallelamente viene affiancato un percorso di modernizzazione delle applicazioni con l’obiettivo di sfruttare al meglio le potenzialità e l’innovazione offerte da queste infrastrutture.

Viviamo quindi nell’era del cloud ibrido e Microsoft mette a disposizione diverse soluzioni interessanti per modernizzare il proprio datacenter e gestire agilmente la propria infrastruttura ibrida. In questo articolo viene portato un esempio reale di come un cliente ha intrapreso il percorso di modernizzazione del proprio datacenter grazie ad Azure Stack HCI e come, tramite Azure Arc, è stato in grado di estendere i servizi ed i principi di gestione di Azure anche alla propria infrastruttura on-premise.

 

Richiesta iniziale del cliente e problematiche da risolvere

Il cliente in questione voleva attivare presso il proprio datacenter una nuova infrastruttura di virtualizzazione moderna ed integrata, per consentire di configurare in modo rapido, dinamico e flessibile i workload applicativi. L’infrastruttura in uso dal cliente non era adeguata e riscontrava diverse problematiche, tra le quali:

  • Soluzione di virtualizzazione non scalabile e poco flessibile
  • Obsolescenza hardware
  • Configurazioni che non garantivano una disponibilità adeguata dei sistemi virtualizzati
  • Problemi di performance e di stabilità
  • Difficoltà nella gestione dei vari componenti dell’infrastruttura

Caratteristiche delle soluzioni adottate e benefici ottenuti

Il cliente ha deciso di adottare una infrastruttura hyper-converged (HCI), dove sono stati rimossi diversi componenti hardware, sostituti dal software in grado di unire i layer di elaborazione, storage e rete in un’unica soluzione. In questo modo ha effettuato un passaggio da una tradizionale infrastruttura “three tier”, composta da switch di rete, appliance, sistemi fisici con a bordo hypervisor, storage fabric e SAN, verso infrastrutture hyper-converged (HCI).

fig1-2

Figura 1 – Passaggio da una infrastruttura “Three Tier” verso una Hyper-Converged Infrastructure (HCI)

Azure Stack HCI: lo stack completo dell’infrastruttura Hyper-Converged

Tutto ciò è stato fatto adottando la soluzione Microsoft Azure Stack HCI, che consente l’esecuzione di workload ed una facile connessione ad Azure dell’infrastruttura hyper-converged (HCI).  Nei paragrafi seguenti si riportano le principali caratteristiche della soluzione.

 

Scelta e personalizzazione dell’hardware

Il cliente ha potuto personalizzare la soluzione hardware in base alle proprie esigenze, andando a configurare il processore, la memoria, lo storage e le caratteristiche delle schede di rete, rispettando le matrici di compatibilità del fornitore.

fig2-2

Figura 2 – Composizione hardware della soluzione Azure Stack HCI

 

Sono diversi i fornitori hardware che offrono soluzioni idonee per eseguire Azure Stack HCI e possono essere consultate accedendo a questo indirizzo. La scelta è ampia e ricade su oltre 200 soluzioni di oltre 20 partner differenti. Azure Stack HCI richiede hardware appositamente testato e validato dai vari vendor.

 
Sistema operativo dedicato e specifico

Il sistema operativo della soluzione Azure Stack HCI è un sistema operativo specifico con una composizione semplificata e componenti più aggiornati rispetto a Windows Server. In questo sistema operativo non sono inclusi i ruoli non necessari alla soluzione, ma è presente il più recente hypervisor utilizzato anche in ambiente Azure, con tecnologie storage e di rete software-defined ottimizzate per la virtualizzazione. L’interfaccia utente locale è minima ed è progettato per essere gestito da remoto.

fig3-2

Figura 3 – Interfaccia del SO di Azure Stack HCI

Disaster recovery e failover delle macchine virtuali

Il cliente ha inoltre sfruttato la possibilità di creare uno stretched cluster per estendere il proprio cluster Azure Stack HCI, nel caso specifico in due edifici differenti. Questa funzionalità si basa su una replica dello storage (sincrona in questo scenario) contemplando la crittografia, la resilienza locale del sito ed il failover automatico delle macchine virtuali in caso di disastro.

fig4-1

Figura 4 – Stretched cluster dell’architettura hyper-converged di Azure Stack HCI

 

Aggiornamenti di tutto lo stack della soluzione (full-stack updates)

Al fine di ridurre la complessità ed i costi operativi dati dal processo di aggiornamento dell’intera soluzione, il cliente può avviare in Azure Stack HCI il processo che prevede l’aggiornamento full-stack (firmware / driver insieme al sistema operativo) direttamente da Windows Admin Center.

fig5-1

Figura 5 – Solution updates della soluzione Azure Stack HCI marchiata Dell EMC


Servizio ibrido di Azure: familiarità nella gestione e nel funzionamento

Il cliente è in grado di gestire la propria infrastruttura basata su Azure Stack HCI in modo semplice e senza adottare strumenti software specifici, come se fosse un’estensione del cloud pubblico, grazie alle caratteristiche citate nei paragrafi seguenti.

 

Integrazione nativa in Azure

Azure Stack HCI si integra in modo nativo con i servizi Azure e con Azure Resource Manager (ARM). Per questa integrazione non è richiesto alcun agente, ma Azure Arc è integrato direttamente nel sistema operativo. Questa permette di visualizzare, direttamente dal portale Azure, il cluster Azure Stack HCI presente on-premises esattamente come una risorsa di Azure.

fig6

Figura 6 – Integrazione di Azure Stack HCI in Azure

Grazie all’integrazione con Azure Resource Manager il cliente può sfruttare i seguenti vantaggi dati della gestione basata su Azure:

  • Adozione dei costrutti standard basati su Azure Resource Manager (ARM)
  • Classificazione dei cluster con i Tags
  • Organizzazione dei cluster in Resource Groups
  • Visualizzazione di tutti i cluster di Azure Stack HCI in un’unica vista centralizzata
  • Gestione degli accessi tramite Azure Identity Access Management (IAM).

Inoltre, dalla risorsa Azure Stack HCI è possibile individuare, aggiungere, modificare o rimuovere le extension, grazie alle quali è possibile accedere facilmente alle funzionalità di gestione.

 

fig7

Figura 7 – Funzionalità di gestione di Azure Stack HCI

 

Gestione delle VM Arc-enabled

Oltre che per gestire il cluster, il cliente può utilizzare Azure Arc anche per eseguire il provisioning e la gestione delle macchine virtuali in esecuzione su Azure Stack HCI, direttamente dal portale di Azure. Le macchine virtuali e le loro risorse associate (immagini, dischi, e network) vengono proiettate in ARM come risorse separate mediante una nuova tecnologia multi piattaforma chiamata Arc Resource Bridge.

In questo modo è possibile:

  • ottenere una gestione coerente tra le risorse cloud e le risorse Azure Stack HCI,
  • automatizzare le distribuzioni delle macchine virtuali utilizzando i modelli ARM,
  • garantire un accesso self-service grazie al supporto ad Azure RBAC.

fig8

Figura 8 – Funzionalità date dall’integrazione di Azure Arc per le VMs di Azure Stack HCI

 

Azure Backup ed Azure Site Recovery

Azure Stack HCI supporta Azure Backup ed Azure Site Recovery. Con Microsoft Azure Backup Server (MABS) il cliente effettua il backup degli host e delle macchine virtuali attive in Azure Stack HCI. Inoltre, utilizzando Azure Site Recovery è possibile attivare la replica delle macchine virtuali da Azure Stack HCI ad Azure, per creare scenari di disaster recovery specifici.

 

Monitor dell’infrastruttura con Azure Monitor Insights per Azure Stack HCI

Grazie alla soluzione Azure Stack HCI Insights il cliente è in grado di consultare informazioni dettagliate sull’integrità, sulle prestazioni e sull’utilizzo dei cluster Azure Stack HCI connessi ad Azure e registrati per il relativo monitoraggio. Azure Stack HCI Insights archivia i propri dati in un workspace di Log Analytics, avendo così la possibilità di utilizzare potenti aggregazioni e filtri per analizzare al meglio i dati raccolti nel tempo.

Si ha la possibilità di visualizzare i dati di monitor di un singolo cluster dalla pagina delle risorse Azure Stack HCI oppure è possibile utilizzare Azure Monitor per ottenere una visualizzazione aggregata di più cluster Azure Stack HCI con una panoramica dell’integrità del cluster, lo stato di nodi e delle macchine virtuali (CPU, memoria e consumo di storage), metriche delle prestazioni e altro ancora. Si tratta degli stessi dati forniti anche da Windows Admin Center, ma progettati per scalare fino a 500 cluster contemporaneamente.

 

fig9

Figura 9 – Pannello di controllo di Azure Monitor Insights per Azure Stack HCI


Azure benefit per Windows Server

Microsoft offre vantaggi speciali quando si distribuisce Windows Server in ambiente Azure e gli stessi vantaggi sono disponibili anche su Azure Stack HCI.

fig10

Figura 10 – Azure benefit per Windows Server

Azure Stack HCI consente di:

  • Distribuire macchine virtuali con Windows Server 2022 edizione Azure Datacenter, che offre funzionalità specifiche non disponibili nelle classiche edizioni Standard e Datacenter. Per approfondire le caratteristiche disponibili in questa edizione è possibile consultare questo articolo.
  • Ottenere gratuitamente aggiornamenti di sicurezza estesi, proprio come in Azure. Questo vale sia per Windows Server 2008/R2, sia per Windows Server 2012/R2, oltre alle versioni corrispondenti di SQL Server.
  • Ottenere la licenza ed attivare le macchine Windows Server come in Azure. Azure Stack HCI oltre a consentire di utilizzare la propria licenza Datacenter per abilitare l’attivazione automatica delle macchine virtuali (Automatic VM Activation – AVMA), mette a disposizione l’opzione di pagare la licenza di Windows Server per i sistemi guest tramite la propria subscription Azure, proprio come avviene in ambiente Azure.


Team di supporto Azure dedicato

Azure Stack HCI è a tutti gli effetti una soluzione Azure, pertanto il cliente può usufruire del supporto Azure con le seguenti caratteristiche:

  • Potrà richiedere facilmente supporto tecnico direttamente dal portale Azure
  • Il supporto sarà fornito da un nuovo team di esperti dedicato a supportare la soluzione Azure Stack HCI
  • Sarà possibile scegliere tra diversi piani di supporto, a seconda delle esigenze.

 

Innovazione dell’infrastruttura e nuovi scenari evoluti

In ambiente Azure Stack HCI, oltre ad eseguire macchine virtuali, è possibile attivare Azure Kubernetes Service (AKS) ed Azure Virtual Desktop.

 

Azure Kubernetes Service in Azure Stack HCI

Questo scenario di implementazione di AKS on-premise permette di automatizzare l’esecuzione su larga scala di applicazioni moderne basate su micro-servizi. Grazie ad Azure Stack HCI l’adozione di queste architetture applicative basate su container possono essere ospitate direttamente presso il proprio datacenter, adottando la stessa esperienza di gestione di Kubernetes che si ha con il servizio gestito presente nel cloud pubblico di Azure.

fig11

Figura 11 – Panoramica di AKS su Azure Stack HCI

Per maggiori informazioni è possibile consultare l’articolo Azure Kubernetes Service in ambiente Azure Stack HCI.

 

Azure Virtual Desktop per Azure Stack HCI

In situazioni dove le applicazioni risultano sensibili alla latenza, come ad esempio l’editing video, oppure scenari dove gli utenti hanno bisogno di usufruire di un sistema legacy presente on-premise che non può essere facilmente raggiunto, Azure Virtual Desktop aggiunge una nuova opzione ibrida grazie ad Azure Stack HCI. Azure Virtual Desktop per Azure Stack HCI usa lo stesso piano di gestione cloud del normale Azure Virtual Desktop, ma consente di creare pool di session host utilizzando macchine virtuali in esecuzione su Azure Stack HCI. Queste macchine virtuali possono eseguire Windows 10 e/o Windows 11 Enterprise multi-session. Collocando i desktop più vicini agli utenti, è possibile abilitare l’accesso diretto a bassa latenza e senza round trip.

 

Conclusioni

Microsoft gestisce tra i più grandi data center del mondo e sta facendo grossi investimenti per portare l’esperienza maturata e l’innovazione del cloud anche in Azure Stack HCI. Questo cliente, affidandosi ad Azure Stack HCI sta usufruendo di un servizio in abbonamento che riceve aggiornamenti regolari delle funzionalità, con l’obiettivo importante di poter sfruttare on-premise la tecnologia collaudata su larga scala nel cloud. Inoltre, è in grado di gestione in modo unificato le risorse del proprio ambiente ed avere una continua innovazione della propria infrastruttura ibrida.


Francesco Molfese

Francesco Molfese

Microsoft MVP Cloud and Datacenter Management, in 4wardPRO ricopre il ruolo di Director della Business Unit “Cloud Infrastructure”, dove è il responsabile della presenza tecnica dell’azienda nel mercato Cloud Infrastructure. Francesco è inoltre Microsoft Certified Trainer (MCT).